ClickCease
Rechercher
Fermer ce champ de recherche.

News

Utilizzo dei compressori nel settore del biogas

La presenza del compressore è necessaria per comprimere il biogas e trasformarlo in biometano

Il biogas è una miscela di diversi gas, in genere metano, anidride carbonica e azoto, generati dalla fermentazione anaerobica delle biomasse, quali possono essere:

  • Rifiuti organici (scarti alimentari, sfalci d’erba e residui di potature);
  • Scarti agricoli (letame, insilati e scarti di lavorazione);
  • Rifiuti organici zootecnici (liquami provenienti dagli allevamenti).

Per ottenere il biogas, la biomassa viene pretrattata, di solito tritata o diluita, per di ottenere una miscela compatta e omogenea. A questo punto, la miscela è inserita in un impianto sigillato dove la presenza dei batteri anaerobi provoca la fermentazione del prodotto e la produzione di gas composto prevalentemente da metano e anidride carbonica.

Successivamente, il biogas è liberato da acqua, acido solforico e altre eventuali impurità, ed è pronto per essere utilizzato o distribuito: per poter passare a questa fase, è necessaria la compressione, con l’utilizzo, appunto, dei compressori biogas.

 

Cosa sono i compressori biogas

I compressori biogas sono impianti utilizzati per aumentare la pressione del biogas e, di conseguenza, diminuirne il volume. Si tratta di un trattamento indispensabile in tutti i campi di applicazione del biogas, tra cui la distribuzione, la produzione di energia elettrica, l’utilizzo come combustibile, la generazione di calore e così via.

Un compressore biogas deve essere realizzato con materiali compatibili con questo tipo di combustibile, e dotato di sistemi di sicurezza per prevenire fughe di gas o altri problemi, oltre a garantire la massima efficienza associata al minimo consumo di energia. Esistono diversi modelli di compressore di biogas destinati a vari utilizzi: la scelta dipende dal settore di riferimento e dalle esigenze specifiche.

 

Compressori per biogas e biometano progettati da Fornovo Gas

Grazie ad una significativa esperienza nel trattamento di gas e combustibili e ad un lavoro di ricerca e sviluppo orientato verso le nuove tecnologie, Fornovo Gas ha raggiunto una posizione di rilievo sul mercato internazionale per i compressori di biogas e biometano, ed è riconosciuta come una delle prime aziende impegnate nel settore della Green Energy, in merito alla fornitura di centinaia di impianti di compressione per biometano e biogas operanti in tutto il mondo.

Biometano e biogas sono gas rinnovabili, originati da un materiale a sua volta rinnovabile, il cui pregio è quello di non produrre dopo la combustione residui che possono in impattare sull’ecosistema e sull’ambiente naturale.

Il biogas è prodotto dalla digestione anaerobica delle biomasse, mentre il biometano si ottiene tramite la lavorazione, purificazione e raffinazione del biogas, che contiene un’alta percentuale di metano. Raffinando il biogas e liberandolo dalle impurità, è possibile immetterlo nella rete di distribuzione del gas senza apportare modifiche.

La presenza del compressore è necessaria per comprimere il biogas e trasformarlo in biometano, usufruibile per tutti gli utilizzi del gas metano. Fornovo Gas è in grado di fornire macchine progettate su misura da integrare negli impianti di distribuzione del metano, al fine di immettere il gas nella rete di distribuzione.

Una volta raffinato con il sistema di compressione di Fornovo Gas, il biometano può essere inoltre liquefatto, oppure stoccato in bombole o altri contenitori per essere trasportato o per alimentare le stazioni di rifornimento. Fornovo Gas crea nella sede di Traversetolo (Parma) soluzioni personalizzate per rispondere alle esigenze del mercato globale. E inoltre, direttamente o attraverso la propria rete di partner, assicura assistenza e manutenzione ovunque nel mondo.

I compressori per biogas progettati e realizzati da Fornovo Gas, azienda leader nella produzione di compressori per idrogeno, biogas e gas tecnici, si avvalgono della tecnologia oil-free, che esclude la necessità di lubrificazione, riducendo il consumo di olio ed evitando di contaminare il gas con il lubrificante. I compressori di Fornovo Gas usufruiscono di un’ampia gamma di certificazioni internazionali e sono disponibili corsi di manutenzione multilingue gestiti direttamente in sede.

 

Dispositivi necessari per il funzionamento di un impianto per biogas

In aggiunta al compressore, necessario sia per l’utilizzo che per il trasporto e lo stoccaggio del biogas, un impianto destinato alla produzione e raffinazione di questo combustibile rinnovabile deve disporre di altri elementi, tra cui:

  • Un digestore, ovvero l’impianto chiuso e sigillato dove avviene la fermentazione aerobica della biomassa e la produzione naturale del biogas;
  • Un impianto di pretrattamento in grado di rimuovere le impurità presenti nel biogas;
  • Un impianto di deumidificazione che riduca il contenuto di umidità presente nel biogas;
  • Un sistema di desolforazione per rimuovere dal biogas l’acido solforico.

Il compressore per biogas è un componente determinante e fondamentale per questo tipo di impianti e consente di ottenere un prodotto finale puro, versatile ed efficiente.

Fornovo Gas affronta ogni fase produttiva dei compressori attuando sistematicamente una strategia improntata alla sostenibilità, ulteriormente rafforzata da quando è diventata Società Benefit.